San Vito di Leguzzano, Vicenza
+390445519520
info@idrotermicastella.it

Prima tappa: il Bagno Mediterraneo

idrotermosanitaria, arredobagno, climatizzazione

Prima tappa: il Bagno Mediterraneo

Confinati ormai da parecchi giorni nel buen retiro della nostra casa, e chissà ancora per quanto tempo, il Comitato del Tubo ha ben pensato di farvi fare un viaggetto, un tour virtuale, un po’ come quelli che stanno facendo i musei in giro per il mondo.

Noi vi vogliamo portare alla scoperta dei diversi stili in cui si può realizzare una stanza da Bagno, in modo tale da farvi viaggiare un po’ con la fantasia e instillarvi qualche curiosità e voglia di cambiamento che poi magari potremo vedere insieme nella nostra salamostra, quando torneremo “liberi”.

Che ne dite? Bene. Pronti, ai posti…via!

Oggi ci ispiriamo al primo sole di questi giorni e ci inoltriamo a scoprire le caratteristiche del bagno in stile MEDITERRANEO, con richiami molto forti provenienti quindi dalle zone costiere del sud dell’Europa e del nord dell’Africa.

La prima grande protagonista in questi ambienti, oltre all’atmosfera rilassante, è la luminosità, come se il sole e l’aria entrassero in casa direttamente dalle coste battute dal vento marino.

Il colore imperante è il bianco, seguito poi dalle tinte chiare e neutre e dai colori dell’acqua che toccano tutte le sfumature dell’azzurro e del blu, richiamando la vista delle distese di sabbia e il movimento rassicurante del mare.

“Bianco e azzurro sei con le isole che stanno lì le rocce e il mare coi gabbiani Mediterraneo da vedere”

Mango

 

La semplicità comunque è la parola chiave per questo genere di bagno.

Soprattutto nell’utilizzo dei materiali, come il legno, che sarà naturale, anche grezzo, sia per gli elementi strutturali che per gli accessori e le decorazioni (mensole e cornici).

A meno che non preferiate un rivestimento minimal come malta o cementi (con toni dal grigio al beige) che si ritrovano soprattutto in zona spagnola, le piastrelle sono indispensabili e aiutano a creare ambienti davvero interessanti.

Giocando sulle geometrie e sui cromatismi tipici dell’area mediterranea, donano all’ambiente un’identità senza eguali, anche se utilizzate magari soltanto come decorazioni.

Non possiamo non ricordare tra l’altro le famose ceramiche di Vietri, dove si fondono tutti i colori della Costiera Amalfitana.

Altri materiali utili allo stile mediterraneo sono la pietra, utilizzata in modo leggero e non eccessivo, il ferro battuto e tessuti naturali e freschi, come lino e cotone.

Essenziale anche l’inserimento di piante e fiori, che apportano quegli aspetti rassicuranti e di pace interiore che solo la Natura sa dare.

Gli arredi sono poco appariscenti, non si trovano mobili corposi, ma vanno per la maggiore top con ciotole e mensole come appoggi.

Come spesso accade, poi, il tocco finale lo daranno decorazioni e accessori, come vasi in terracotta, specchi con cornici di legno e conchiglie, cesti in vimini o sgabelli realizzti con rami e tronchetti trovati sulla battigia. Un modo per portare il rollio delle onde dentro gli ambienti della nostra casa.

Il nostro primo viaggio alla scoperta dello stile Mediterraneo finisce qui. Alla prossima puntata! Seguiteci!